Il “Bruco” che non si trasformerà mai in farfalla



Bresciaoggi 8 Settembre 2018

Destinato ad accogliere 18.000 passanti al giorno proteggendoli da vento e pioggia, il cosiddetto “Bruco”, passerella pedonale sopraelevata opera dell’architetto Piero Gambacciani, doveva essere il fiore all’occhiello del centro funzionale del quartiere della Foce, destinato, negli anni ’90 quando è stato costruito, a dare un nuovo sviluppo alla città di Genova.

Nei fatti però la passerella è stata sempre poco utilizzata, divenendo ben presto ricovero di senzatetto e tossicodipendenti. Chiusa da anni, si parlava, già nel 2013, di una sua possibile demolizione sempre però rinviata. La necessità di promuovere interventi finalizzati a scongiurare nuove alluvioni ha fatto sì che anche la demolizione del “Bruco” rientrasse, quale opera complementare, fra quelle di messa in sicurezza del torrente Bisagno.

Condividi questo articolo
LinkedInFacebookFacebook MessengerWhatsAppEmail

Sono bastate due notti, invece delle quattro inizialmente ipotizzate, per demolire l’estrosa passerella pedonale di Genova che collegava, dall’inizio degli anni ’90, i giardini di Piazza Verdi con la Corte Lambruschini sovrapassando Viale Emanuele Filiberto Duca d’Aosta. Chiusa da anni, e ormai simbolo di degrado, il “Bruco” è stato demolito lo scorso dicembre con piena soddisfazione da parte della stazione appaltante per la buona riuscita dei lavori grazie alla meticolosa ingegneria della Prandelli Santo srl di Brescia


LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE

Contattaci per informazioni su scavi, demolizioni e bonifiche